Brand Building. Cos’è e a cosa serve

Con il termine brand building indichiamo ciò che riguarda tutte operazioni atte alla costruzione di un marchio, facendo sì che sia riconoscibile dai possibili clienti.
Infatti, buon brand dovrebbe suscitare emozioni positive ai clienti, deve trasmettere consapevolezza, poiché un brand che trasmette consapevolezza è più vendibile, ma soprattutto, deve avere la capacità di distinguersi dai competitor attraverso la costruzione di una vera e propria identità personale che crei fiducia e credibilità verso il brand stesso.

La costruzione di un brand

Un brand si costruisce attraverso vari step, tra cui: la scelta del nome, successivamente la scelta e la costruzione del logo, ed infine occorrono uno slogan o un payoff. Lo step successivo prevede la sua diffusione, in modo che diventi riconoscibile presso i potenziali clienti e che questi ultimi associno al marchio dei sentimenti positivi. È importantissimo fare brand building, poiché le operazioni svolte nelle varie fasi vanno a monitorare la diffusione e il mantenimento del marchio durante gli anni: diffusione e mantenimento sono attività infinite, permettono di acquisire nuovi clienti, attraverso i canali social che vanno sempre tenuti operativi, attraverso campagne pubblicitarie, ma soprattutto vanno tenute sotto controllo le recensioni, per capire quali sono i possibili cambiamenti da apportare per rendere il brand sempre aggiornato e al passo con i tempi.
Questo processo è fondamentale soprattutto in ambito web, poiché se un brand rimane a lungo silenzioso finisce per scomparire, sovrastato dai competitor più nuovi.
Si può dire che avere una forte identità aziendale probabilmente è anche molto costoso, soprattutto all’inizio, per far sì che la propria azienda abbia una buona reputazione, che sia affidabile e facilmente distinguibili, ma quello del brand building è un passaggio fondamentale per determinarne in futuro l’acquisto da parte dei possibili clienti. Brand building significa costruire per la propria azienda non solo l’immagine, che comprende scelta del nome e del logo, bensì creare la giusta identità collegata alla mission del brand stesso. Una reputazione riconoscibile e valida. Quando nasce una nuova azienda o un nuovo prodotto è necessario creare un brand unico e nuovo nel suo genere, che distingua da tutti gli altri, questo processo di costruzione termina quando si è deciso definitivamente il nome, il logo è il payoff. Subito dopo vi è la diffusione del brand, che è e deve essere un’attività senza fine, che sicuramente all’inizio potrà sembrare impegnativa, ma che è altrettanto necessaria per far conoscere la propria azienda ai potenziali clienti. Proprio per questo motivo la comunicazione e pubblicizzazione attraverso le pagine social collegate al brand devono essere sempre costanti: i post devono essere pubblicati assiduamente, i contenuti devono essere sempre aggiornati , così come tutte le informazioni condivise riguardanti l’azienda, in modo tale da tenere il pubblico sempre informato, percependo così il brand come qualcosa di sempre attivo, organizzando
anche campagne pubblicitarie e promozionali periodiche. Oggigiorno scomparire dai social comporterebbe delle ripercussioni estremamente negative, poiché gli utenti del web vengono bombardati di notizie e pubblicità ogni giorno, a volte anche in modo eccessivo da parte delle aziende, ed il rischio di scomparire dal web sarebbe quello di finire nel dimenticatoio.

di Annarita GAGLIARDI

Studentessa Master Digital Graphic Designer

da | Lug 12, 2022

Articoli recenti

Offerta formativa

L'INNOVATIVA ED EFFICACE METODOLOGIA DIDATTICA DELLA DIGITAL SCHOOL DI ECAMPUS PREVEDE

INSEGNAMENTI FULL-ONLINE
con materiali sempre disponibili

INSEGNAMENTI VIA WEBINAR
su argomenti specifici (formula weekend)

WORKSHOP IN PRESENZA
esperienze concrete e laboratori pratici (opzionali)

TUTORSHIP
supporto allo studio e alla crescita professionale

TIROCINIO FORMATIVO
in aziende selezionate e convenzionate