La digital strategy del più famoso brand italiano di moda: Gucci

La maison fiorentina Gucci è ricordata tra i primi marchi ad aver aperto il suo sito e-commerce nelNel 2009 il brand entra in contatto anche con il mobile marketing, e proprio in quell’anno viene lanciata la prima applicazione per smarphone e tablet Apple che permetteva di accedere a video, sfilate, notizie, eventi e una playlist musicale.
Dopo neanche un anno l’applicazione viene rinnovata e trasformata in un vero e proprio mobile magazine Gucci style by Gucci, integrata con i social network e contenente animazioni, racconti e storie di moda. Questa versione dell’app si rivelò molto innovativa anche per il mobile shopping, rendendo gli acquisti sempre più a portata di mano.
Otto anni dopo l’apertura, all’inizio del 2010 il sito di Gucci è visibile in 17 paesi diversi, supporta 8 lingue, e ha una sezione di e-commerce attiva in 12 nazioni con una disponibilità di circa 2000 prodotti. Sotto la direzione della Giannini, avviene un completo re-styling del sito, molto curato esteticamente, con la presenza delle tre collezioni principali in corso nell’home page e un menu diviso nelle varie sezioni.
Le modalità di visualizzazione dei singoli prodotti contribuiscono a dare un’esperienza d’acquisto online più affine possibile a quella fisica, con la possibilità di avere un personal shopper che guidi e consigli negli acquisti. Per ogni prodotto è presente una dettagliata descrizione delle caratteristiche specifiche, con la possibilità di visualizzarlo da diverse prospettive e con zoom ravvicinato.

Pur essendo un’azienda fortemente legata alla tradizione, Gucci riesce ad effettuare una comunicazione digitale altamente interattiva e multimediale, capace di far sentire gli utenti immersi nella sua realtà e sovrapponendo sempre di più il confine tra il negozio fisico e quello online. Michele si è dimostrato inoltre uno stratega multimediale creando alleanze tattiche con stilisti, artisti, registi molto attivi sul web, e utilizzando forme, immagini, video per rivitalizzare il marchio e il suo posizionamento online.
Il tutto unito e aiutato dalla presenza coerente dello storytelling e della narrazione creativa da tutti punti di vista, con particolare attenzione alle piattaforme digitali.
La strategia digitale di Gucci rispecchia la mentalità del marchio e intraprende una strategia omnichannel formata da molteplici canali: dagli store fisici tradizionali ed eleganti che si rivolgono ai clienti di vecchia data, ai pop up store, così detti Gucci Pin in cui l’esperienza digitale è sempre più immersiva e interattiva, per combinare i classici aspetti di uno store fisico con l’applicazione mobile di Gucci.
Anche l’e-commerce rimane parte fondamentale della strategia per ridurre l’acquisto dai rivenditori e nel 2014 nasce il sito ufficiale del brand: Gucci.com reso user-friendly e adattabile a più dispositivi. Tra le novità c’è la possibilità di chiedere una consulenza di acquisto ad un esperto, un servizio post vendita e la prenotazione di una visita digitale in showroom che ha portato ad un aumento del 150% del traffico online.
Il negozio digitale mette in vendita le sue collezioni prêt à porter più recenti insieme agli articoli meno costosi come borse, scarpe e accessori. Il sito rispecchia l’identità della maison, e lo shopping interattivo riflette le sue sfilate: ogni ready to look da indossare è venduto come pezzi dell’outfit apparso in passerella.

di Carolina Campanino

studentessa Master Digital Marketing Specialist

da | Ago 23, 2022

Articoli recenti

Offerta formativa

L'INNOVATIVA ED EFFICACE METODOLOGIA DIDATTICA DELLA DIGITAL SCHOOL DI ECAMPUS PREVEDE

INSEGNAMENTI FULL-ONLINE
con materiali sempre disponibili

INSEGNAMENTI VIA WEBINAR
su argomenti specifici (formula weekend)

WORKSHOP IN PRESENZA
esperienze concrete e laboratori pratici (opzionali)

TUTORSHIP
supporto allo studio e alla crescita professionale

TIROCINIO FORMATIVO
in aziende selezionate e convenzionate