Moriondo ci insegna che la tecnologia può cambiare le abitudini quotidiane

In Digital School lo ripetiamo così spesso che è diventato il nostro claim “il futuro è il digitale” perché siamo consapevoli che ogni epoca è segnata da un preciso elemento che poi andrà a rivoluzionare la vita, le abitudini e le scelte future delle persone. Pensiamo alla stampa e a tutto ciò che l’impresa di Gutenberg ha significato per il mondo intero. Nel corso dei tempi ci sono state diverse invenzioni che hanno stravolto la vita delle persone, una di queste è senza dubbio l’avvento del digitale con la nascita di Internet.

La bellezza dell’ingegno che oggi il Doodle di Google vuole ricordarci Angelo Moriondo, l’uomo che inventò la prima macchina per caffè espresso, celebrandone i 171 anni dalla nascita.

Angelo Moriondo nacque il 6 giugno 1851 a Torino da una famiglia di imprenditori, suo nonno fondò un’azienda di produzione di liquori che fu tramandata al figlio, che poi costruì insieme al fratello e al cugino la famosa azienda di cioccolato “Moriondo e Gariglio”. Proprietario di due locali di caffetteria, Angelo notò che se pur i clienti apprezzavano la bevanda arabica, il tempo di attesa era troppo lungo e infastidiva la clientela. Moriondo quindi pensò che preparare più tazze all’unisono gli avrebbe permesso di servire più clienti e ridurre dunque anche i tempi di attesa. Dopo aver supervisionato direttamente un meccanico da lui incaricato di costruire la sua invenzione, Moriondo presentò la sua macchina per caffè espresso al’Esposizione Generale di Torino del 1884, dove fu insignita della medaglia di bronzo. La macchina era in rame e bronzo consisteva in una grande caldaia che spingeva l’acqua riscaldata attraverso un letto di fondi di caffè, con una seconda caldaia che produceva vapore che faceva lampeggiare il letto di caffè e completava l’infusione. Con la macchina brevettata da Moriondo non ci volevano che 5 minuti per ottenere un caffè espresso. Quando l’invenzione fu esposta in un chiosco vicino all’entrata della Galleria dell’Elettricità dell’Expo, destò una grande curiosità tanto che i visitatori accorsero per degustare il caffè e apprezzarono molto quella macchina curiosa capace di fare 300 tazze di in un’ora.

Disegno della macchina del caffè

Fu allora che Moriondo cambiò la vita degli italiani, contemporanei e futuri, perché del resto cosa saremmo stati noi italiani senza un buon espresso?

da | Giu 6, 2022

Articoli recenti

Offerta formativa

L'INNOVATIVA ED EFFICACE METODOLOGIA DIDATTICA DELLA DIGITAL SCHOOL DI ECAMPUS PREVEDE

INSEGNAMENTI FULL-ONLINE
con materiali sempre disponibili

INSEGNAMENTI VIA WEBINAR
su argomenti specifici (formula weekend)

WORKSHOP IN PRESENZA
esperienze concrete e laboratori pratici (opzionali)

TUTORSHIP
supporto allo studio e alla crescita professionale

TIROCINIO FORMATIVO
in aziende selezionate e convenzionate